Monti Dauni | Deliceto, dalla terra alla tavola tra biodiversità agricola e modelli antropologici
18676
post-template-default,single,single-post,postid-18676,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Deliceto, dalla terra alla tavola tra biodiversità agricola e modelli antropologici

Deliceto, dalla terra alla tavola tra biodiversità agricola e modelli antropologici

L’attività dei volontari del servizio civile, promosso dall’Unpli, che hanno operato presso le Pro Loco pugliesi nel corso del 2019/2020, è giunta al termine.

Sabato scorso presso il Castello Normanno di Deliceto sono state presentate le relazioni elaborate dai giovani volontari del Servizio Civile che hanno operato nell’ambito del progetto“Dalla terra alla tavola, viaggio enogastronomico tra biodiversità agricola e modelli antropologici”.

Al progetto hanno partecipato le Pro Loco di Accadia, Bisceglie, Bovino, Casalnuovo Monterotaro, Corato, Deliceto, Lucera, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Orsara di Puglia, Ruvo di Puglia, San Severo, Sant’Agata di Puglia, Troia e Volturino.

Erano presenti i volontari del Servizio Civile, i dirigenti dell’Unpli Puglia  con Gerardo Lionetti responsabile del progetto, Rocco Lauciello  presidente Unpli Puglia e i presidenti delle Pro Loco partecipanti al progetto.

Benvenuto Baldassarro, presidente della Pro Loco di Deliceto, ha portato i saluti in rappresentanza di tutti i presidenti. Tra le autorità del territorio sono intervenuti il Sindaco di Deliceto Pasquale Bizzarro,il presidente del GalMeridaunia Pasquale De Vita, il giornalista Andrea Gisoldi e il Segretario dell’Ufficio di Zona della Coldiretti Domenico Suriano.

 



torna a Notizie e Multimedia