Monti Dauni | DIGA OCCHITO
16768
itinerario-template-default,single,single-itinerario,postid-16768,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

DIGA OCCHITO

DIGA OCCHITO

Lungo le sponde del più grande lago artificiale della Puglia, alla scoperta di un ambiente naturale creato dall’uomo che ha incrementato il territorio e il paesaggio di vedute straordinarie e suggestive.
L’area risulta molto vasta, con punti di interesse dislocati in luoghi molto distanti tra loro. Per offrire la possibilità di visitare la maggior parte dei luoghi di interesse e venire incontro alle diverse esigenze, proponiamo tre itinerari con differenti livelli di difficoltà. Tutti i percorsi si sviluppano su carrareccio sterrato, in minima parte asfaltato. Il percorso più lungo, che si estende lungo la sponda del lago su una strada di servizio costruita dal Consorzio per la Bonifica della Capitanata, immersa in una pineta, è ideale per escursioni a piedi o in Mountain Bike anche nelle giornate calde.
Percorso completo
I tre percorsi possono essere integrati in un percorso completo, preferibilmente in Mountain Bike, della durata minima di 6h e 50 min a piedi.
1a tappa: Percorso 1 Carlantino-Pezza del Signore – Diga, solo andata (1 h e 25 min a piedi).
2a tappa: Percorso 2 (invertito) Sponda del Lago da Diga a ponte dei tredici archi, solo andata (5h e 25 min a piedi).
3a tappa supplementare: Dal Ponte dei 13 archi all’Ex K. 27 (45 min).
Il percorso può essere agevolato dalla possibilità di evitare il ritorno a piedi, infatti il punto di arrivo, “Ponte dei 13 archi”, coincide con la fermata degli autobus dell’Azienda Ve.Pe (si veda Indirizzi utili: LINK) che raggiungono Celenza Valfortore; qui occorre scendere e prendere un autobus (Azienda Sita) per Carlantino. La fermata Autobus (VE.PE) per Celenza si trova all’incrocio per Tufara presso Ponte dei Tredici Archi; in alternativa l’autobus si ferma alla stazione di servizio sulla SS645 a circa 700 m dal Ponte dei Tredici Archi, dove esiste un punto di ristoro.
La Diga di Occhito: uomo e natura in armonia.
La diga di Occhito, tra le più grandi d’Italia, costruita tra il 1958 e il 1966 sul corso del fiume Fortore, ha dato origine al più esteso lago artificiale della Puglia, con una superficie di circa 1200 ettari e una capacità di 333 milioni di metri cubi d’acqua. L’invaso provvede al fabbisogno idrico della provincia di Foggia, sia per uso civile che agricolo. Tra le innumerevoli trasformazioni operate dall’uomo, questa è una di quelle che la natura non ha tardato a ricolonizzare. Oggi il lago costituisce un sito di notevole rilevanza naturalistica e conservazionistica, e per tali valenze è stato riconosciuto sia come Sito d’Importanza Comunitaria (SIC “Valle Fortore Lago di Occhito” IT9110002) ai sensi della Direttiva Habitat 92/43/ CEE, sia come Zona di Protezione Speciale (ZPS “Lago di Occhito” IT7282248).
Siti Archeologici
Da Carlantino è possibile raggiungere il vicino Monte S. Giovanni, dal quale si gode di una vista spettacolare sul lago. In questo luogo è situato l’omonimo parco archeologico, sede di importanti scavi che hanno riportato alla luce reperti del neolitico, di età romana e del medioevo. Un breve sentiero consente di raggiungere l’area degli scavi effettuati nel 2008 e che hanno permesso di riportare alla luce una estesa chiesa di età medievale, dedicata a S. Giovanni.
Il fascino storico e archeologico del luogo è arricchito dall’ipotesi, avanzata da alcuni storici, secondo la quale la famosa battaglia di Canne, che vide Annibale vincitore contro l’esercito romano durante la seconda guerra punica, sia avvenuta qui, in località Ischia Rotonda, attualmente sommersa dalle acque del Fortore al centro del Lago. La pace di questi luoghi sembra esorcizzare quel tragico scontro tra uomini e il lago copre come una lapide quell’antico teatro.


FLORA

Rigogliosi boschi ripariali di Pioppi Populus alba L. e Populus nigra L. e Salici Salix alba L. sono sorti nell’ansa meridionale, dove il fiume Fortore ferma la sua corsa alimentando il lago: un luogo suggestivo soprattutto durante l’inverno, quando il livello dell’acqua sale formando un bosco allagato. Proseguendo verso la diga, le sponde del lago sono ricoperte prevalentemente da pinete, frutto di discutibili rimboschimenti realizzati nel passato, ma che nulla tolgono alla bellezza del paesaggio. Verso la fine del percorso, in prossimità della Diga, la pineta viene sostituita da boschetti di roverella e macchia mediterranea.

FAUNA

Luogo ideale per il birdwatching, in queste acque poco profonde svernano e sostano durante le migrazioni diverse specie di uccelli acquatici, in particolare il Germano reale Anas platyrhynchos, l’Alzavola Anas crecca, il Fischione Anas penelope, la Folaga Fulica Atra, lo Svasso maggiore Podiceps cristatus. Facilmente si posso osservare gli aironi, come l’Airone cenerino Ardea cinerea e il più raro Airone bianco maggiore Casmerodius albus. Comune è il Cormorano Phalacrocorax carbo , facile da osservare appollaiato su rami tra una battuta di pesca e l’altra. Numerose sono le specie di Uccelli che nidificano nel l’area, tra le quali la bellissima Ghiandaia Marina Coracias garrulus.
Ma il luogo continua ad offrire altre sorprese faunistiche: tra i mammiferi è presente la rarissima ed elusiva Lontra Lutra lutra. L’ittiofauna è rappresentata da specie autoctone, come Alborella meridionale Alburnus albidus, il Cavedano Leuciscus , il Barbo Barbus plebejus e specie introdotte, come il Persico trota Micropterus salmoides, il Carassio Carassius auratus, la Carpa Cyprinus carpio, il Pesce gatto Ictalurus melas. Tra gli anfibi si segnala la Raganella Hyla intermedia, il rospo comune Bufo bufo, la Rana verde Rana esculenta, la Rana appenninica Rana italica, il Rospo smeraldino Bufo viridis. I rettili sono rappresentati dalla Natrice dal collare Natrix natrix e dalla Natrice tassellata Natrix tessellata.

SCHEDE TECNICHE

Percorso 1
Nome percorso: Carlantino-Pezza del Signore – Diga
Comune: Carlantino
Punto di partenza: Carlantino, Piazza Risorgimento , 541 m (41°35’48.98″N; 14°58’29.58″E)
Punto intermedio: Pezza del Signore, 224 m (41°36’45.82″N; 14°57’42.87″E). Incrocio con altri percorsi.
Punto di arrivo: Diga, Centro Visite Alcedo presso Casa di guardia della Diga di Occhito, 200 m (41°37’17.17″N; 14°58’23.45″E)
Andamento percorso: Lineare, con ritorno al punto di partenza
Lunghezza (km) : 5 Km (andata) + 5 Km (ritorno) = 10 Km
Tempo di percorrenza: Andata 1 h e 25 min / Ritorno 1 h e 55 min
Livello di difficoltà: Turistico
Tipologia e fondo del tracciato: Carrareccio sterrato, in minima parte asfaltato.
Difficoltà tecniche ed equipaggiamento: Percorso privo di particolari difficoltà.
Altezza massima/minima: 541 m / 187 m
Dislivello complessivo: – 354 m. (in andata, ritorno con valori invertiti)
Dislivello salite / discese: 97 / 434 (in andata, ritorno valori invertiti)
Ambiente lungo il percorso: Pineta, macchia mediterranea, campi coltivati
Presenza di tabelle: NO
Idoneo a bambini/anziani: SI, il tratto di andata in discesa da Carlantino alla Diga (strada non adatta a passeggini). Il tratto di ritorno in salita potrebbe risultare impegnativo, quindi si può optare per le seguenti soluzioni:
1) un accompagnatore potrebbe tornare da solo a Carlantino e tornare alla diga con l’auto seguendo la Via del Lago (Link.
2) contattare qualche settimana prima dell’escursione il Centro Visite Alcedo (si veda indirizzi utili) per usufruire del servizio navetta per il ritorno a Carlantino.
Idoneo a Disabili: NO, ma possibile l’accesso alla Diga da raggiungere in auto da Carlantino seguendo la Via del Lago
Percorribilità del sentiero: A piedi, in mountain bike (impegnativo il tratto da Carlantino a Pezza del Signore), a cavallo. Idoneo all’uso promiscuo.
Carreggiabilità: SI, ma il tratto da Carlantino a Pezza del Signore è transitabile solo con fuoristrada o automezzi alti.
Punti di interesse:
– Area archeologica di Monte S.Giovanni
– Vista panoramica del Lago
– Diga e Centro Visite Alcedo
Servizi lungo il percorso: Sì, presso Centro Visite Alcedo della Diga (si veda Numeri e indirizzi utili)
Come arrivare con mezzi pubblici:
– Autolinee SITA : Foggia – Celenza Valfortore – Carlantino
– Autolinee VE.PE: Campobasso – Celenza Valfortore

Percorso 2
Nome percorso: Riva del Lago da Ponte dei tredici archi a diga
Comune: Carlantino, Celenza Valfortore
Punto di partenza: Diga, Centro Visite presso la Casa di guardia della Diga di Occhito, 200 m (41°37’17.17″N; 14°58’23.45″E)
Punto intermedio: Pezza del Signore, 224 m (41°36’45.82″N; 14°57’42.87″E). Incrocio con altri percorsi.
Punto di arrivo: Ponte 13 Archi, 200 m (41°31’21.04″N; 14°56’30.70″E)
Andamento percorso: Lineare, con ritorno al punto di partenza
Varianti Percorso: Il Centro Visite offre il noleggio di Mountain Bike. Per chi volesse usufruire di tale servizio si può invertire il percorso partendo dalla Diga verso il ponte dei Tredici Archi e ritorno.
Lunghezza (Km): 21,3 Km(andata) + 21,3 Km (ritorno) = 42 Km
Tempo di percorrenza: 2 h in mountain Bike. A piedi, andata 5 h e 30 min /ritorno: 5h e 25 min.
Livello di difficoltà: Turistico
Percorribilità del sentiero: in mountain bike, a cavallo, a piedi (impegnativo per lunghezza)
Tipologia e fondo del tracciato: Carrareccio sterrato, in minima parte asfaltato.
Difficoltà tecniche ed equipaggiamento : Percorso privo di particolari difficoltà, a parte la lunghezza che rende impegnativa la percorrenza a piedi.
Altezza massima/minima: 281 m / 196 m
Dislivello complessivo: 0 m
Dislivello salite / discese: 234 m/212 m in andata, ritorno con valori invertiti
Ambiente lungo il percorso: Pineta per 3/4 del percorso, nel tratto terminale
Presenza di tabelle: NO
Idoneo a bambini/anziani: NO
Idoneo a Disabili: NO
Carreggiabilità: SI
Punti di interesse:
– Vista panoramica del Lago
– Diga e Centro Visite Alcedo
– Sacca Orientale del Lago
Integrabilità con altri percorsi: E’ possibile aggiungere il percorso 3 “Dal Ponte 13 archi all’Ex K. 27”
Servizi lungo il percorso :
presso Centro Visite Alcedo della Diga (si veda Numeri e indirizzi utili)
Punto Ristoro a circa 700 m sulla SS645 a circa 700 m dal ponte Ponte dei Tredici Archi.

Percorso 3
Nome percorso: Ansa meridionale dal Ponte dei Tredici Archi all’Ex K. 27
Comune: Celenza Valfortore
Punto di partenza: Ponte 13 Archi, 200 m (41°31’21.04″N; 14°56’30.70″E)
Punto intermedio: Pezza del Signore, 224 m (41°36’45.82″N; 14°57’42.87″E). Incrocio con altri percorsi.
Punto di arrivo: Ex K.27, 194 m (41°31’59.94″N, 14°56’25.21″E). Ex caposaldo chilometrico della strada prima che venisse dismessa in seguito alla realizzazione dell’invaso. Situato a circa 300 metri a sud della masseria. Accertata la presenza di cani pastori abituati alla presenza umana, si consiglia tuttavia di non andare oltre il caposaldo verso la masseria.
Andamento percorso: Lineare, con ritorno al punto di partenza
Lunghezza (m): 1330 m (andata) + 1330 m (ritorno) = 2660 Km
Tempo di percorrenza: 15 min (andata) + 20 min (ritorno) = 45 min
Livello di difficoltà: Turistico
Percorribilità del sentiero: a piedi, in mountain bike, a cavallo
Tipologia e fondo del tracciato: Carrareccio sterrato, in minima parte asfaltato.
Difficoltà tecniche ed equipaggiamento :percorso privo di particolari difficoltà.
Altezza massima/minima: 208 m/194 m
Dislivello complessivo: 14 m
Dislivello salite / discese: 234 / 212 . In andata, ritorno con valori invertiti
Pendio medio: 4,1%; -5,2% . In andata, ritorno con valori invertiti
Ambiente lungo il percorso: Macchia mediterranea, Boschi ripariali di Pioppi Populus alba L., Populus nigra L. e Salici Salix alba L.
Presenza di tabelle: NO
Idoneo a bambini/anziani. SI
Idoneo a Disabili: NO
Carreggiabilità: limitata
Punti di interesse:
– Vista panoramica del Lago:
– Ansa meridionale del Lago, Birdwatching.
Servizi lungo il percorso:
Punto Ristoro a circa 700 m sulla SS645 a circa 700 m dal ponte Ponte dei Tredici Archi.
Mezzi Pubblici:
Autolinee SITA : Foggia – Celenza Valfortore – Carlantino
Autolinee VE.PE: Campobasso – Celenza Valfortore

INDIRIZZI E NUMERI UTILI

Indirizzi e numeri utili
Centro Visite Alcedo della Diga gestito da:
Associazione Araba Fenice
Informazioni cell. 338 6340289/339 6024467
Mail: ass.arabafenice2003@libero.it o ass.arabafenice@tiscali.it
Sito web: www.lagodiocchito.it
Il Centro Visite Alcedo, gestito dalla associazione Araba Fenice, ubicato presso la Casa di guardia della Diga di Occhito, offre i seguenti servizi:
– guida naturalistica;
– noleggio Mountain Bike;
– punto vendita souvenir;
– servizi igienici;
– informazioni;
– Laboratorio/aula attrezzata per educazione ambientale rivolta a scuole e gruppi;
area giochi;
– Percorso salute ginnico attrezzato,
– su prenotazione servizio di catering ed eventuale servizio navetta per il ritorno a Carlantino.

Mezzi pubblici:
SITA Autolinee S.p.A. – www.sitasudtrasporti.it – linee: Foggia – Celenza Valfortore – Carlantino
Autolinee VE.PE. di Perrella Francesco – tel. 0881 554015 – Linee: Campobasso – Celenza Valfortore