Monti Dauni | L’associazione Sannio-Russia visita Bovino e i Monti dauni
18274
post-template-default,single,single-post,postid-18274,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

L’associazione Sannio-Russia visita Bovino e i Monti dauni

L’associazione Sannio-Russia visita Bovino e i Monti dauni

Complice una  bella giornata estiva, con la  freschezza degli oltre 600 metri di quota, Bovino ha accolto la delegazione sannita con tutte le sue bellezze in un memorabile abbraccio.

Suffraganea di Benevento, perla dei Monti Dauni, l’antica Bovinum splende all’interno del prestigioso club de “I borghi più belli d’Italia”.
L’acronimo S.P.Q.V. è un iniziale faro che fa comprendere la caratura storica di questo luogo, sulle terre bovinesi sono passati infatti, ed hanno lasciato lasciato la loro testimonianza, sanniti, romani, longobardi, bizantini, saraceni, normanni.
Importante centro religioso, antica Diocesi, Bovino fu suffraganea della Chiesa di Benevento prima e sede episcopale autonoma della capitanata poi.
La visita guidata è iniziata dalla  Concattedrale di Santa Maria Assunta, poi la  Chiesa di San Pietro, Chiesa del Rosario, vicoli del borgo, degustazione della cucina rurale bovinese, Castello Ducale.
L’Associazione Culturale Sannio-Russia (Культурная ассоциация Саннио-Россия) nasce per contribuire all’incontro tra Oriente e Occidente e in particolare tra la Russia, la grande nazione cristiana dell’Est, e l’Italia posta in posizione cruciale tra il Nord Mitteleuropeo, il Mediterraneo, l’Occidente e l’Oriente.
Uno dei compiti di Sannio-Russia è di far scoprire le bellezze dei territori agli abitanti russi ed esteuropei e, non da meno, far (ri)scoprire tali attrattive agli stessi sanniti, irpini e molisani.
Asserisce il presidente di Sannio-Russia, Alfonso Muscetti: «In questa splendida domenica abbiamo scoperto uno dei borghi più belli d’Italia. Tutti i miei collaboratori sono rimasti affascinati dalle bellezze architettoniche e paesaggistiche del borgo, riteniamo che non ci sia nulla da invidiare agli altrettanto interessanti borghi toscani o umbri. Bovino è il luogo ideale per un turismo dedito alla natura, alla enogastronomia e alla cultura. Siamo già al lavoro per allacciare relazioni fra Bovino e la Federazione Russa».


torna a Notizie e Multimedia