Monti Dauni | CARLANTINO
16388
localita-template-default,single,single-localita,postid-16388,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

CARLANTINO

CARLANTINO

Paese di antichissime origini, nei cui dintorni sono stati ritrovati reperti preistorici ed altri risalenti al I sec. a.C., domina dalla collina la Diga di Occhito che taglia il fiume Fortore, creando un invaso artificiale che ha creato un ambiente lacustre particolarmente suggestivo. Secondo alcuni studiosi, inoltre, sarebbe stata teatro dello scontro tra romani e cartaginesi in quella che è passata alla storia come la Battaglia di Canne.

DA VEDERE

Incorniciato da una doppia cinta muraria, il piccolo centro storico si raccoglie intorno alla Chiesa di San Donato, che custodisce al suo interno la Pala raffigurante la Madonna delle Grazie, e si snoda nelle viuzze dove si affacciano caratteristiche abitazioni, molte decorate con le chiavi di volta sui portali. Nella città vecchia troviamo il Museo Archeologico Comunale con la sua importante collezione di reperti che vanno dal Neolitico al Medioevo e da segnalare anche la Cappella della SS. Annunziata, costruita nel 1526, dove una lastra di vetro sul pavimento permette una suggestiva veduta sulle fondazioni di una antica cappella preesistente.

DA FARE

La Diga di Occhito caratterizza l’area con il suo ambiente naturale. Nel Centro Visita Alcedo si potranno scoprire i segreti della diga e compiere con i ragazzi ed i bambini percorsi di educazione ambientale incentrate sul tema dell’acqua o visite naturalistiche all’habitat lacustre. Presso la diga, sarà possibile praticare la pesca o scoprire magnifici paesaggi passeggiando a piedi o in bicicletta.

EVENTI E FESTE

Il 17 gennaio a Carlantino si accendono i Fuochi di Sant‘Antonio Abate.
L’ultima domenica di maggio è la volta della Festa della Madonna dell’Annunziata (o Festa della Ricotta) dove i pastori del paese rievocano un’antica tradizione votiva dei transumanti di preparare la ricotta con latte appena munto.
Ad agosto, dal 6 all’8, si celebra la Festa Patronale di San Donato in cui le vie del borgo di animano tra riti religiosi e note musicali di bande e orchestre.

Eventi in programma


Nessun elemento


INFO UTILI

LE AZIENDE

DOVE MANGIARE

DOVE DORMIRE