Monti Dauni | CASALVECCHIO DI PUGLIA
16392
localita-template-default,single,single-localita,postid-16392,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

CASALVECCHIO DI PUGLIA

CASALVECCHIO DI PUGLIA

Borgo fondato nel XI sec., fu popolato nel corso del XV sec. da profughi albanesi che si stabilirono qui con il loro bagaglio di cultura e tradizioni arbereshe. Innumerevoli sono dunque le contaminazioni che si manifestano in ogni aspetto della quotidianità, anche in virtù della capacità tipica di alcune minoranze di preservare simboli e usanze delle proprie origini. Infatti, Casalvecchio di Puglia è un’isola linguistica dove ancora si parla l’arberesche, una vecchia forma della lingua albanese.
Tra le curiosità legate a questo paese, sembra che abbia dato i natali a Filomena Pennacchio, una delle più note brigantesse dell’Italia meridionale dell’Ottocento

DA VEDERE

La visita a Casalvecchio inizia con la chiesa di San Pietro e Paolo che conserva un bel dipinto settecentesco della Madonna del Carmine per proseguire con il Pozzo della Madonna, che la leggenda racconta avere acqua dalle capacità miracolose per le malattie della pelle ed essere il luogo dove fu ritrovato un dipinto raffigurante la Santa Vergine con il Bambin Gesù, che subito fu oggetto di devozione.
Altri tasselli della storia di questo comune sono il Casone della Sgurgola, con la sua ben conservata Torre medievale, e gli scavi di Castel Fiorentino, luogo in cui morì Federico II, che lambiscono questo territorio, pur se rientranti negli itinerari del territorio della Daunia Rurale, e concludere con la magnifica Torre dei Briganti che offre uno splendido panorama sull’area circostante.

DA FARE

EVENTI E FESTE

Il 19 marzo ci si raccoglie intorno ai Fuochi di San Giuseppe intorno ai quali si intonano canti popolari e si gustano i piatti della tradizione locale.
Ad aprile, tipica è la tradizione popolare del sabato santo detta Vete e Pashquet in cui gruppi di giovani bussano alle case per ricevere in dono uova di pasqua, mentre intonano la canzone “Vete e Pashqet”.
La terza domenica di maggio si celebra la Festa di Santa Maria delle Grazie, risalente alla fondazione del paese da parte della popolazione albanese.
L’ultima domenica di settembre si svolge la Fiera di San Matteo, dedicata al commercio degli animali.

Eventi in programma


Nessun elemento

INFO UTILI

LE AZIENDE

DOVE MANGIARE

DOVE DORMIRE


Nessun elemento