Monti Dauni | DELICETO
17026
localita-template-default,single,single-localita,postid-17026,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

DELICETO

DELICETO

Circondato da boschi di querce, da uliveti e vigneti su una collina a quasi 600 m. si erge il borgo di Deliceto dominato dal suo bellissimo castello normanno. La sua origine è antichissima, come testimoniano le preistoriche grotte scavate nella roccia, visibili nel Rione Pesco, da comunità osco-italiche.
Qui i Longobardi costruirono la prima rocca, che però fu caratterizzata nel XII secolo dai Normanni con la costruzione del castello. Il suo nome deriva dall’elce, albero presente anche sullo stemma cittadino sebbene poco diffuso nell’area.

DA VEDERE

Il Castello Normanno-Svevo del XII sec. è sicuramente il monumento più rappresentativo del paese, grazie anche all’essere pervenuto a noi praticamente intatto nel suo aspetto di fortezza. Originariamente di forma triangolare, è stato successivamente rimaneggiato ed oggi presenta una forma trapezoidale irregolare. Caratteristiche sono le tre torri, quella principale quadrata e le due tonde laterali dalle quali si può godere di un magnifico panorama.
Passeggiando per il borgo, ci possiamo imbattere in diverse chiese di un certo interesse. L’antica Chiesa dell’Annunziata risalente al IX secolo, che presenta sulla facciata il celebre palindromo “SATOR” comune in molte chiese medioevali. La Chiesa Madre del SS. Salvatore ha probabilmente origine longobarda, ma l’edificio attuale è del XVIII sec. in stile tardo-barocco. Sono invece di stile barocco la Chiesa e Convento di Sant’Antonio, con una preziosa statua lignea del santo e un bellissimo organo a canne del 1775, e la Chiesa di S. Anna e Morti, che presenta sulle porte di ingresso disegni settecenteschi sul tema della morte.
Nei dintorni del paese, meritano una visita il Convento della Consolazione, che ha ospitato Sant’Alfonso Maria de’ Liguori e San Gerardo Maiella, e lungo il torrente Carapellotto i ponti romani di Cavallerizza e Risega.

DA FARE

Il Bosco della Consolazione rappresenta sicuramente una delle mete naturalistiche di questo territorio, con le sue querce centenarie e aree attrezzate di picnic. Di notevole interesse è anche il Bosco Macchione con l’omonima Masseria Didattica dove poter praticare laboratori creativi.

EVENTI E FESTE

Si inizia a febbraio dove l’ultima domenica si accendono i Fuochi di San Matteo Apostolo.
Ad agosto la prima domenica è dedicata alla Sagra dell’Orecchietta nel Bosco della Consolazione. Il 14 è la vota della Rievocazione storica dell’investitura di Antonio I Piccolomini, primo marchese di Illiceto, con centinaia di figuranti in costume con i cavalieri che si sfidano in una “Giostra”. Dal 28 al 31 si svolge il Deliceto Musica Festival, rassegna di musica operistica in onore del musicista delicetano Francesco De Matteo.
A settembre il 22 si sovlge la Cavalcata storica dalla cappella dell’Olmitello al centro del paese, mentre il 23 si svolge la processione dedicata a Maria SS. dell’Olmetello con intrattenimento serale a base di musica e fuochi d’artificio.
Nel periodo natalizio, il 26 dicembre ed il 6 gennaio è possibile assistere ad un toccante presepe vivente.

Eventi in programma


Nessun elemento

INFO UTILI

LE AZIENDE

DOVE MANGIARE

DOVE DORMIRE