Monti Dauni | VOLTURARA APPULA
17117
localita-template-default,single,single-localita,postid-17117,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

VOLTURARA APPULA

VOLTURARA APPULA

ll piccolo borgo di Volturara Appula sorge a circa 500 metri di altitudine su un colle che domina un ricco panorama boschivo. La posizione fortunata lo pone in un interessante triangolo geografico tra il Molise, la Campania e la Puglia. Questa  zona è costellata di corsi e fonti di acqua che contribuiscono ad arricchire la rigogliosa natura circostante. Il nome di questo piccolo agglomerato di case deriva dal vento Libeccio, che è solito accarezzare questi luoghi, chiamato anticamente “vultur”.
L’impianto urbano rivela l’impronta medioevale, periodo in cui la cittadina fu importante centro amministrativo poiché posta sulle principali vie di passaggio delle carovane. Ma secondo alcune fonti, la sua fondazione sarebbe da far risalire intorno al 50 a.C. per opera degli Uluri che vivevano in piccole grotte, “i rutt”, che fungevano da riparo dal popolo degli Apuli, che in seguito li sottomisero ed insieme ai romani sconfissero i Sanniti.
In seguito fu oggetto di dominazioni feudali e fu sede vescovile fino al 1818, come testimoniano diverse iscrizioni e bassorilievi che si trovano nella piazza principale del paese, e passò sotto il dominio di diverse famiglie nobiliari, dai Carafa ai Gozaga, dai Caracciolo ai Pignatelli.

DA VEDERE

Da non perdere c’è la bellissima Cattedrale di Santa Maria dell’Assunta del XII sec., uno dei capolavori del romanico pugliese. Costruita con l’annessione della chiesa di Santa Maria, le cui tracce sono ancora visibile nell’abside, pur subendo diversi rimaneggiamenti mantiene intatto il suo fascino. L’esterno è caratterizzato dal bicromatismo delle pietre e dalla torre campanaria che ospita tre campane attribuite alla officina di Avignone. Da segnalare all’interno, l’altare maggiore con paliotto marmoreo del ‘700 e il coro ligneo in stile barocco.
Interessante è anche il Palazzo Ducale del XVI sec., edifica su una precedente fortezza. Nel corso del tempo la sua funzione è passata da difensiva a residenza della famiglia Caracciolo.

DA FARE

Per gli amanti della natura, sicuramente di interesse sono le escursioni nel Bosco di S. Antonio , dove è rinomata la zona chiamata Difesa dei Corvi. Con sorgenti solfuree e una ricca vegetazione. Da visitare il Torrente Gianpaolo un ricco corso d’acqua che alimenta cascatelle naturali.

EVENTI E FESTE

Il 17 gennaio , il centro del Borgo antico è teatro dei Falò di Sant’Antonio Abate.
La prima domenica di maggio si celebra la Festa di Maria Santissima della Sanità, dove la statua della vergine viene portata in processione dal Santuario al centro abitato, ricoperta di offerte votive dai fedeli.
Tra gli appuntamenti più interessanti, c’è la Fiera di San Luca, festa popolare di origine antichissima che la tradizione vuole istituita da Federico II, che si tiene ogni anno il 18 ottobre. Nell’ambito della Fiera si svolge anche la Sagra dell’Anguilla in ricordo della presenza in fiera dei venditori di anguille pescate solitamente nella laguna di Lesina.

Eventi in programma


Nessun elemento

INFO UTILI


Nessun elemento

LE AZIENDE

  • SALUMIFICIO MONACO
    Contrada Serra
    Contatti: Chiedere di Donato Mob: + 39 340 4945498 – 347 0597674

DOVE MANGIARE


Nessun elemento

DOVE DORMIRE


Nessun elemento