Monti Dauni | VOLTURINO
17123
localita-template-default,single,single-localita,postid-17123,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

VOLTURINO

VOLTURINO

Il paese svetta di fronte al Promontorio del Gargano come un solitario aquilotto planante. E’ uno dei più alti Comuni ( mt.735 s.l.m.) su l’ultimo contrafforte dello schienale dei Monti del Sub-Appennino Pugliese.  Il nome del paese deriverebbe da termini latini come volturnus (un vento che in Capitanata è più noto come favònio) oppure da vultur (avvoltoio).
Volturino era uno dei cinque casali dipendenti da Montecorvino di cui faceva parte già nel sec. XIII. Dopo la sua distruzione, parte della popolazione trovò rifugio proprio qui e, mentre gli altri casali sparirono, Volturino riuscì a resistere fieramente agli invasori almeno fino al 1400 quando dovette cedere alle truppe di Alfonso I d’Aragona. Successivamente fu feudo dei Carafa, cacciati dagli abitanti nel 1583, degli Orsini, dei Caracciolo e dei Montalto. Durante l’unificazione, così come altri centri rurali dei Monti Dauni, fu teatro di sanguinosi eventi legati al brigantaggio.

DA VEDERE

Al centro del paese si può ammirare la Chiesa Badiale di Santa Maria dell’Assunta, superba costruzione in stile romanico con l’artistica facciata prospiciente sulla piazza, dove spicca la Pietra tonda che da voce alla vera vita di Volturino.La Chiesa di San Domenico di Guzman, risalente al XII sec., era in origine dedicata a San Domenico di Sora, dove si può ammirare un ampio portale sormontato da un piccolo rosone. La Chiesa di San Francesco d’Assisi edificata nel XIX sec. presenta una interessante facciata dalle linee pulite che ospita un piccolo portale ed un campanile a vela posto sulla sommità centraleIl Palazzo Baronale sorge accanto alla Chiesa Madre e presenta un prezioso portale di pietra sulla facciata. Goduti.La Fontana Vecchia con la pila-abbeveratoio, si trova nell’omonima via all’ingresso del paese, ed è certamente la più antica e la più bella tra le fontane del paese. Da citare anche la Fontana della Croce, dei primi del ‘900, realizzata in bronzo con decorazioni liberty che raffigurano figure mitologiche.

DA FARE

Ogni sabato sera, per tutta l'estate vieni ad esplorare gratuitamente il centro storico di Volturino, in compagnia di guide esperte che ti accompagneranno in un itinerario alla scoperta dei luoghi più suggestivi della città. In particolare si potranno scoprire le rue, vicoli a scalinata a spina pesce per proteggersi dal vento che soffio spesso possente nel paese, e gli sporti che sono dei collegamenti tra gli antichi edifici con funzione difensiva.Do particolare interesse naturalistico sono i boschi intorno al borgo come il Bosco Marano, il Bosco Mezzana ed il Parco Riconi.

EVENTI E FESTE

L’antico carnevale volturinese iniziava il 17 gennaio con i foch d Sant’Anton (fuochi di Sant’Antonio), accensione di un cumulo di paglia, fascine, legna, ecc... e terminava la domenica avanti le “ceneri”. Ancora oggi tante persone di tutte le età si radunano intorno al fuoco per cantare, ballare e divertirsi.Si chiama Quarantana l’antico rito che segnava l’inizio della Quaresima. Essa è nata principalmente per ricordare alla popolazione, in un epoca in cui non c’erano orologi con datari nè calendari, le domenica mancanti alla Pasqua. Ogni domenica, dopo l’Avemaria, veniva tolta una delle cinque penne ad un pupazzo raffigurante una vecchietta. Contandole, ci si rendeva conto del periodo mancante alla celebrazione della Pasqua.L’8 e 9 settembre si tiene la Festa della Madonna della Serritella, una festa sacra a forte connotazione popolare che celebra questa Vergine la cui venerazione fu introdotta dai Cavalieri Templari nel XII sec.. La festa celebra la natività della Madonna con la massima solennità (fiera merceologica e del bestiame, corteo religioso per le vie del paese, giostre, concerto bandistico, ecc...) e richiama un immenso concorso di popolo anche da altri paesi.La domenica dopo l’8 settembre il Venerato Simulacro di Maria SS. si riporta alla Sua Cappella di Serritella

Eventi in programma


Nessun elemento

LE AZIENDE


Nessun elemento

DOVE MANGIARE

DOVE DORMIRE