Monti Dauni | Roseto Valfortore punta sull’internazionalizzazione dei Monti Dauni: ecco la festa dell’accoglienza
18276
post-template-default,single,single-post,postid-18276,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Roseto Valfortore punta sull’internazionalizzazione dei Monti Dauni: ecco la festa dell’accoglienza

Roseto Valfortore punta sull’internazionalizzazione dei Monti Dauni: ecco la festa dell’accoglienza

Tre giorni di festa, riflessioni e incontri: con la Festa dell’Accoglienza e dei lavoratori (25 e 26 luglio – 4 agosto), Roseto Valfortore dà il benvenuto agli emigranti tornati nel borgo dei Monti Dauni e torna a occuparsi di un tema molto caro non solo ai rosetani del mondo ma più in generale a tutte le popolazioni del Mezzogiorno d’Italia. Le manifestazioni, organizzate nell’ambito del Roseto Estate 2019, saranno inaugurate la sera di giovedì 25 luglio (ore 21 anfiteatro comunale) con il convegno dedicato al progetto “Pugliesi nel mondo” a sostegno dell’internazionalizzazione dei Monti Dauni. A seguire lo spettacolo di Santino Caravella e la Capitanata Band.

Venerdì 26 luglio alle ore 17,30 partenza del corteo storico dalla Casa comunale con la partecipazione delle autorità civili, militari e religiose, delle associazioni del paese, della banda musicale e di tutta la cittadinanza. Alle 18 la santa Messa di ringraziamento, e alle 19 apericena presso il municipio con la consegna del tradizionale dono agli emigranti in ricordo del borgo. Infine alle 21, spettacolo teatrale a cura dell’associazione “Don Michele Marcantonio” di Roseto Valfortore. La tre giorni rosetana si chiude domenica 4 agosto: alle 12 “Pranziamo Insieme” con musiche e danze popolari presso la villetta comunale (Loc. Paduli). Alle 20 “Premio Eccelenze”, cerimonia di premiazione dei rosetani che attraverso il lavoro, le passioni e le abilità danno lustro in tutto il mondo alla cittadina dei Monti dauni. La serata si chiuderà con l’esibizione di Graziano Galatone in “Se bruciasse la città”. L’iniziativa, organizzata dal Comune di Roseto Valfortore e dalla locale Pro Loco, si avvale del patrocinio della Regione Puglia e del GAL Meridaunia.

 



torna a Notizie e Multimedia