Monti Dauni | “Trame Rurali”, alla scoperta delle masserie dei Monti Dauni: a Lucera dal 14 al 19 settembre
18346
post-template-default,single,single-post,postid-18346,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

“Trame Rurali”, alla scoperta delle masserie dei Monti Dauni: a Lucera dal 14 al 19 settembre

“Trame Rurali”, alla scoperta delle masserie dei Monti Dauni: a Lucera dal 14 al 19 settembre

Guardare, pensare, analizzare, progettare. Esaminare le valenze del patrimonio storico e paesaggistico dei beni massariali e pianificare 6 giorni di progettazione nei quali un gruppo di esperti sviluppa un processo di ricerca, indagine e pianificazione partecipate in cui portatori di interesse, esperti e istituzioni dialogano sul tema del recupero e della valorizzazione dei Paesaggio Rurale di Capitanata, mettendo il cittadino nella condizione di poter agire positivamente sul proprio territorio. Tutto questo in un  workshop in programma Lucera dal 14 al 19 settembre 2019 negli spazi innovativi dell’Urban Center del GAL Meridaunia; un luogo di scambio di idee e di confronto per i professionisti che si occupano di politiche di rigenerazione urbana e progettazione.

Gli obiettivi sono progettare, costruire e promuovere un modello di valorizzazione integrata che unisca il bene masseria alla storia rurale del territorio, alla consapevolezza della stratificazione temporale dei paesaggi, alle tradizioni etnoantropologiche e agli elementi agro-pastorali identitari della Capitanata.

Il fine di TRAME Rurali è quello di non far sentire mai estraneo il fruitore finale del processo stesso di cui partecipa e, se i progettisti sono chiamati a mantenere in piedi il doppio binario identitario-funzionale, la presenza della componente artistica serve a restituire in maniera coinvolgente il ‘significato’ dell’intero processo, creando una connessione tra la struttura (le architetture, il loro restauro, la rifunzionalizzazione, la tutela del paesaggio) e la sovrastruttura (l’identità della storia, il sentimento popolare, la cultura dei luoghi), occupandosi dell’intimità e dell’aspetto sociale dell’operazione vera possibilità dell’accettazione e della riuscita del processo rigenerativo.



torna a Notizie e Multimedia