Cerca
Mappa

Rendez-vous à Faeto et Celle San Vito

Galleria Foto

Informazioni

Immerso nel verde dei boschi, il piccolo borgo di Faeto rappresenta, con la vicina Celle di San Vito, un’oasi linguistica franco-provenzale, conseguenza della colonizzazione promossa da re Carlo I D’Angiò nella seconda metà XIII, cui si lega la sua origine: vi si stabilirono le famiglie dei soldati del suo esercito dopo l’assedio a Lucera. Il paese, rinomato per il suo prosciutto a cui dedica una gustosa sagra la prima domenica di Agosto, ottenuto dal maiale nero autoctono, è un concentrato di angusti e tortuosi vicoli. Si visitano la chiesa madre SS. Salvatore (1570) e la Casa del Capitano (1500), impreziosita da una interessante bifora. È la sede del museo etnografico, dove sono esposti costumi tradizionali, attrezzi da lavoro e arnesi per preparare pane e pasta, suppellettili e mobilio d’epoca. In piazza Rubino si erge il provenzale, un monumento alle radici storiche del paese: l’opera, su cui sono incise frasi in lingua provenzale, è costituita da un trittico in marmo e bronzo, nel cui panello centrale è raffigurato un guerriero angioino. Seguendo Via Le Cesi Seconda, si giunge al bel vedere: un ampio terrazzo dal quale è possibile ammirare un panorama che spazia dal tavoliere ai monti del Gargano e al golfo di Manfredonia.

Programma

Immerso nel verde dei boschi, il piccolo borgo di Faeto rappresenta, con la vicina Celle di San Vito, un’oasi linguistica franco-provenzale, conseguenza della colonizzazione promossa da re Carlo I D’Angiò nella seconda metà XIII, cui si lega la sua origine: vi si stabilirono le famiglie dei soldati del suo esercito dopo l’assedio a Lucera. Il paese, rinomato per il suo prosciutto a cui dedica una gustosa sagra la prima domenica di Agosto, ottenuto dal maiale nero autoctono, è un concentrato di angusti e tortuosi vicoli. Si visitano la chiesa madre SS. Salvatore (1570) e la Casa del Capitano (1500), impreziosita da una interessante bifora. È la sede del museo etnografico, dove sono esposti costumi tradizionali, attrezzi da lavoro e arnesi per preparare pane e pasta, suppellettili e mobilio d’epoca. In piazza Rubino si erge il provenzale, un monumento alle radici storiche del paese: l’opera, su cui sono incise frasi in lingua provenzale, è costituita da un trittico in marmo e bronzo, nel cui panello centrale è raffigurato un guerriero angioino. Seguendo Via Le Cesi Seconda, si giunge al bel vedere: un ampio terrazzo dal quale è possibile ammirare un panorama che spazia dal tavoliere ai monti del Gargano e al golfo di Manfredonia.

Note

Attività di gruppo o singola: Minimo 20 – Massimo 50 partecipanti per guida turistica Durata: mezza giornata (6 ore) Attività stagionale o proponibile tutto l’anno: periodi consigliati in primavera e autunno

Aggiungi una recensione

Scegli la tua data e prenota :

Prezzi :

Costo a persona: €8,00 (per gruppo di minimo 10 persone adulte paganti) Bambini 0-5 anni gratuito N.B.: Il costo non comprende eventuali ingressi a luoghi di attrazione a pagamento.

Comuni esperienza :

  • Faeto

    Il graziosissimo borgo deve il suo nome alle distese di faggeti che ricoprono il suo territorio.

  • Celle di San Vito

    Celle di San Vito (Cèlle de Sant Uite in francoprovenzale) è una fantastica terrazza sulla natura ...

Luoghi da Visitare :

Informativa breve

Noi utilizziamo cookie come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo. Utilizziamo cookie di terze parti con lo scopo di capire come i visitatori interagiscono con il sito, raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo al pannello delle preferenze cookies. Puoi acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.